Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

4 febbraio mercato terraTERRA alla Libera fiera del Pigneto

DOMENICA 4 febbraio ore 09:30
LIBERA FIERA DEL TERRITORIO
P.zza Nuccitelli Persiano (quartiere Pigneto)

 

LIBERA FIERA 4 FEBBRAIO 2018

Cosa c'è veramente nel cibo che mangiamo?

* Alle ore 12 ne parleremo con i produttori di t/T, Città dell'Utopia (Boicottega) e con l'Associazione Nanay

* dalle ore 9 Mercato genuino a cura del connettivo terra/Terra
* alle ore 11 Laboratorio di pasta fatta in casa a cura di Nanay
* dalle 13 Pranzo con i prodotti di t/T (porta stoviglie e posate da casa)
* durante tutta la giornata: Libera Fiera Sounding; banchetto informativo di t/T e de lacomunedelcrocicchio

Cosa c'è veramente nel cibo che mangiamo?

Non abbiamo alternative: dobbiamo mangiare!
L'argomento cibo è sempre stato strategico per il genere umano e non dobbiamo dilungarci a spiegare il perché. Nell'antichità procurarsi il cibo costituiva l'attività principale di ogni aggregato umano, al pari delle altre specie animali, come ci ricordano i riti per propiziare la fertilità del suolo e la buona riuscita della caccia. Oggi è tutto molto più semplice, ci rechiamo nel più vicino supermercato e riempiamo il carrello di prodotti alimentari, disponibili in abbondanza e in grande varietà, spesso a buon mercato. Qualcuno potrebbe anche pensare che nascano così, già confezionati nel loro packaging colorato, tanto si è allontanata da noi la consapevolezza della complessità del processo produttivo, agricolo e industriale che li ha generati.
Cosa c'è veramente nel cibo che mangiamo?
L'agricoltura industriale gestita dalle grandi multinazionali del settore sforna enormi quantità di prodotti attraverso lo sfruttamento intensivo dei suoli e l'uso massiccio di sostanze chimiche che avvelenano l'ambiente e che finiscono poi nel nostro corpo attraverso il cibo che ingeriamo e l'acqua che beviamo. La Grande Distribuzione Organizzata (GDO) si preoccupa di trasformare, conservare e distribuire capillarmente, la pubblicità ossessiva si incarica di convincerci della bontà dei prodotti. Da alcuni decenni si è sviluppata la consapevolezza in settori sempre maggiori dell'opinione pubblica della follia di questo meccanismo e così, da una parte, si sono moltiplicate le iniziative per promuovere un'agricoltura sostenibile con lo sviluppo del biologico e, dall'altra, si è rafforzata invece la capacità del sistema capitalista di perpetuare i meccanismi perversi e biocidi. In ogni caso difficilmente viene messo in discussione il ruolo di consumatori passivi in cui ci troviamo costretti.
Nella Libera Fiera del Territorio del 4 febbraio vogliamo cominciare ad affrontare la questione di costruire un percorso autonomo e consapevole che si faccia forte della controinformazione autogestita e della pratica della sovranità alimentare. Cominciamo ad indagare su cosa c'è nel cibo che ci viene proposto dall'agribusiness e dalla GDO e cerchiamo di capire come si mette in piedi l'alternativa. Se i prodotti dei supermercati sono in realtà spesso schifezze immangiabili allora dobbiamo procurarci il cibo rivolgendoci a quell'agricoltura contadina che tra mille difficoltà ricerca un rapporto armonico con l'ambiente combattendo le sirene del falso biologico attraverso la crezione di filiere di produzione e consumo autonome e certificate in maniera partecipata.
Nel corso della Libera Fiera ne parleremo con i produttori di terra/Terra, con la Boicottega di Città dell'Utopia e con l'Associazione Nanay.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Febbraio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
5
6
7
8
9
10
12
13
14
15
16
19
20
21
22
23
24
26
27
28
 
cittautopialato