Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

3 dicembre mercato terraTERRA alla Libera fiera del Pigneto

DOMENICA 3 dicembre ore 09:30
LIBERA FIERA DEL TERRITORIO
P.zza Nuccitelli Persiano (quartiere Pigneto)

 

Partiamo dai bisogni. I bisogni essenziali: abitare, studiare, mangiare sano, muoversi, curarsi.
Bisogni negati nell'economia capitalista, ormai anche nell'occidente privilegiato.

Nella fase storica attuale, la fine del sistema di welfare si traduce più o meno dappertutto in una prassi ormai consolidata: vengono mercificati i servizi e privatizzate le cure, aumenta il costo degli affitti e sempre più difficile è l'accesso ad una formazione qualificata, non più gratuita, non più per tutti e tutte. La pressione della disoccupazione crescente e la precarietà esistenziale a questa conseguente sono evidenti, così come il loro risvolto obbligato: la maggior parte dei lavoratori e delle lavoratrici sono disposti adaccettare e subire quasi passivamente lo sfruttamento pur di tenersi un impiego. Viviamo un contesto dove vengono a compimento le nefaste conseguenze delle politiche economiche e sociali dei governi delle classi dirigenti mondiali, che veicolate dal bombardamento mediatico inducono alla paura e al ritiro nel privato, producendo così disgregazione sociale, indifferenza, forme di vita mutile e parcellizzate, dipendenza.

Si pone di nuovo e in maniera ancor più aspra e pervasiva, per quelli e quelle che stanno in basso, come sempre nella loro storia, di affrontare la contraddizione sfruttamento/emancipazione. Dove per sfruttamento si intende anche e vieppiù quello dell'uomo sulla donna e quello della specie umana sulle altre forme di vita del pianeta. Dove per emancipazione si intenda la strada verso la liberazione dal lavoro salariato, affinchè il lavoro, da coercizione fisica e morale, da peso gravoso sotto cui vacillare, si trasformi in libera e creatice attività, sorgente di sviluppo della personalità individuale e della qualità delle relazioni comunitarie, che l'attività produttiva sia autonoma e collettiva, in equilibrio con la biosfera e con il tessuto sociale dei territori in cui si svolge.

Nel patrimonio storico della classe operaia e del mondo contadino, leghe, casse mutue, borse lavoro, cooperative di produzione, sono state le basi materiali necessarie ad una forma di vita autonoma, operosa, combattiva, attraverso le quali una comunità umana senza confini né patrie si organizzava. Su quelle basi materiali, milioni di donne e di uomini oppressi, in ogni parte del mondo, si sono addestrati all'autogestione collettiva dei mezzi di produzione, in un'opera di riappropriazione e diffusione libera di pratiche e saperi. Il lavoro collettivo e quelle infrastrutture hanno contribuito in maniera determinante alla formazione di un embrione di società fondata sul mutuo sostegno e sulla solidarietà, acquisendo potenza e capacità di autodeterminazione politica dal basso, così come in molte parti del mondo ancora oggi i movimenti sociali più attivi testimoniano.

In condizioni epocali completamente mutate, nel salto antropologico che la rivoluzione tecnologica ha impresso nella specie homo sapiens, non più rimandabile è il compito di ridefinire e rendere quella strumentazione adeguata alle necessità della fase attuale. La mag/Roma mantiene attivo il filo storico delle infrastrutture mutuali del movimento, richiamandosi a quelle esperienze ma superandole criticamente per sperimentare la formazione della rete di mutua infragruppi: una pratica di cooperazione attiva tra realtà collettive che delinei la possibilità di affrontare la contraddizione sfruttamento/emancipazione, mettendo in opera uno strumento di autofinanziamento collettivo, dal basso, per sostenere e sviluppare la formazione di realtà produttive autonome nella metropoli e nelle reti rurali, favorendo la capillarizzazione e l'affinamento della pratica dell'autogestione collettiva dei mezzi di produzione e la formazione di circuiti di scambio e cooperazione tra queste realtà e i territori che le fanno vivere.

dalle ore 9.00 * Mercato genuino a cura del connettivo terraTERRA

dalle ore 11.00 * Assemblea con la MAG, Mutua di finanza AutoGestita, e con tutte le strutture sociali romane interessate alla costruzione di una Mutua dell’autorganizzazione sociale a Roma

ore 13.00 * Pranzo a cura de La Comune del Crocicchio con i prodotti di terraTERRA (porta stoviglie e posate da casa!)

ore 14.30 * Spazio bimb* e laboratorio di origami a cura di Paolo del Grande Cocomero

dopo il pranzo * interventi musicali a cura dei Soggetti Smarriti

durante tutta la giornata * banchetto informativo di terraTerra e della comunedelcrocicchio




evento fb https://www.facebook.com/events/154884845261678/

Devi effettuare il login per inviare commenti
 
cittautopialato